Partiti politici: a volte si trovano tutti d’accordo


Creative Commons License photo credit: ƒreg

E’ un momento assai tragicomico per il panorama politico su Web.
Non più di dieci giorni fa Roberto Scaccia segnalò una vulnerabilità sul sito del PD che ha dato il via ad una serie di segnalazioni a tutto campo. Punto Informatico, rifacendosi ad una pubblicazione di Matteo Flora, ha intitolato un articolo “Elezioni, siti Web a rischio?“. Lo stesso Flora ha rincarato la dose con un articolo dal titolo “La politica dell’ignoranza” da dove riporto:

Questi episodi ricordano come l’Italia, sotto questo versante, abbia ancora molto da imparare. Credo che sia assolutamente necessario iniziare a chiedere la qualità.

La lista dei siti Web politici è già lunga, ma sono sicuro che si potrebbe allungare ancora.
Continuare lo sproloquio di domini vulnerabili ha poco senso. Avrebbe senso, forse, segnalare le vulnerabilità attive ai proprietari e ai realizzatori, ma con quale speranza? Forse quella che, nella migliore della ipotesi, non si veda mai risposta.

Non è la fama che cerco, ma una maggiore consapevolezza nelle tecnologie utilizzate, altrimenti che senso ha utilizzarle come propaganda?

Non mi sembra che evitare XSS e SQL Injection (lasciando perdere le altre vulnerabilità meno di moda) sia così complesso. Ma si sa, in Italia, si corre ai ripari solo dopo che si finisce sui canali main-stream; “Striscia la Notizia” in primis. Che tristezza.

Internet è una massa critica, diversa da quella dei media tradizionali, ciò ne richiede un utilizzo consapevole e sincero. Proprio in questi ultimi giorni si è creata una intensa discussione e una lettera aperta dopo una intervista della Dott.sa. Graziottin a Porta a Porta.

Permettetemi un “plis visit de uebsait end plis pech ioars uebsait“.

 

Nessun Commento.. Puoi essere il primo!

Lascia un Commento