Il valore delle informazioni

Su Effetto Sabato (Rai Uno), sabato pomeriggio, è stato trasmesso un servizio sulla capacità, per un essere umano, di memorizzare informazioni. E’ intervenuto a tal proposito il professore Roberto Vacca ingegnere, scrittore e divulgatore scientifico italiano.

Discutendo con Elisa Isoardi, Roberto Vacca ha portato un esempio pratico a testimonianza delle proprie teorie e ha dichiarato :

Tutti i numeri sono come degli amici.
Quando mi hanno dato il PIN del Bancomat, mi hanno detto: lo tenga da parte e non lo perda.
Io L’ho guardato, l’ho preso e l’ho buttato. L’impiegata: come fa adesso a ricordarsela?
E’ una potenza del 2!

Roberto Vacca ha tranquillizzato la conduttrice preoccupata per l’integrità del PIN con:

Non si preoccupi…le potenze del 2 sono infinite!

Le potenze del 2 sono infinite, ma il codice PIN dei Bancomat, in Italia, è sempre di 5 cifre.
Avendo sottomano una tabella con le prime potenze del 2, si può vedere come solamente 3 di esse sono formate da 5 cifre: 16384, 32768 e 65536.

Se la fortuna non è dalla nostra parte saremmo comunque in grado di trovare il PIN giusto: lo sportello ATM ritira la tessera magnetica solamente dopo il terzo tentativo errato.

Per i malpensanti: possibile che tra 1.276.000 spettatori stimati (dati Auditel) abbia notato solamente io questa informazione? Sicuri che tra le altre persone che lo hanno notato non vi sia nessuno che ci tiene a non farlo sapere?

Ho contattato il prof. Roberto Vacca in merito all’accaduto: una persona veramente disponibile e gentile!
Come era ovvio pensare il professore si rendeva ben conto di ciò che stava dicendo: il PIN è stato sostituito un anno or sono.

E’ importante valutare il valore delle informazioni che ogni giorno forniamo. Non è detto che ciò che per noi è insignificante lo sia anche per il nostro interlocutore!

Ringrazio Davide Maggio per la registrazione della trasmissione.

 

Top Ten Web Hacks 2007, grazie!

Top Ten Web Hacks of 2007, la classifica degli “hacks” più interessanti, nel campo della Web Application Security, presentati durante l’anno passato.

Vedere il mio lavoro “nascondere codice JavaScript all’interno di immagini” nella lista delle 80 tecniche più importanti è stata una bella soddisfazione.
La soddisfazione maggiore è arrivata la settimana scorsa quando si sono concluse le votazioni del sondaggio: il mio lavoro è rientrato tra i primi 10!

Vedersi vicino a nomi come Stefano di Paola, RSnake, pdp e Jeremiah Grossman è  per me una soddisfazione sopratutto dopo essermi avvicinato alla WebAppSec per curiosità.

Grazie a tutti quelli che hanno votato!

Un periodo felice per la nostra penisola nella security! A tal proposito avete visto il port di TrueCrypt su MacOSX fatto grazie all’impegno di Bassotto, Flora, Pietrosanti e tutti i sostenitori?!