Wind e le rimodulazioni forzate

Non trovo miglior modo che partire da un estratto di un articolo apparso su Repubblica alla fine di Marzo:

Se i piccoli adesso sono incapaci di abbassare le tariffe e anzi sono costrette ad aumentarle, non c’è rischio che l’abolizione dei costi di ricarica abbia nel lungo periodo un effetto svantaggioso per i consumatori? È il pericolo segnalato nei giorni scorsi da Elserino Piol, uno dei padri delle telecomunicazioni italiane. Il paradosso è che la battaglia della politica per fare risparmiare gli utenti mobili non è finita ma comincia proprio ora.

Wind dopo aver cambiato tutte le proprie tariffe sottoscrivibili, dall’entrata in vigore del decreto Bersani, ha deciso che ciò non bastava per non andare “sott’acqua” (parola dell’AD durante l’intervista delle Iene). Da metà Marzo, Wind ha iniziato a informare ufficialmente i clienti via sms:

Gentile Cliente, dal 01/05/07 il suo piano tariffario Wind 10 diventerà Wind 12. Per info sulle nuove condizioni chiami il 158.

In un “soffio” è volato via il “per sempre” che veniva messo in risalto sulla pubblicità della Wind 10. La doppia beffa è arrivata a chi, prima del decreto Bersani, usava ricariche da 50 euro (ricordo che tali ricariche non prevedevano balzelli).
Mettiamo a confronto Wind 10 con Wind 12 (tutti i prezzi sono i.i.):

  • Wind10:
    • Scatto alla risposta: 15 cents
    • Chiamate voce: 10 cents/minuto (scatti da 5 cents ogni 30 secondi)
    • SMS (e notifica): 10 cents
    • MMS: 60 cents
  • Wind12:
    • Scatto alla risposta: 16 cents
    • Chiamate voce: 12 cents/minuto (scatti da 6 cents ogni 30 secondi)
    • SMS (e notifica): 15 cents
    • MMS: 60 cents

Come se non bastasse, dal 2 Aprile Wind ha iniziato ad avvertire tutti i clienti con attiva la tariffa Sempre Light:

Gentile Cliente, dal 15/05/07 il suo piano tariffario Sempre Light diventerà Wind Senza Scatto New. Per info sulle nuove condizioni chiami il 158.

La tariffa Sempre Light e Senza Scatto New a confronto:

  • Sempre Light:
    • Scatto alla risposta: 0 cents
    • Chiamate voce: 24,80 cents/minuto, dopo 3 minuti 12,40 cents/minuto
    • SMS (e notifica): 12,40 cents
    • MMS: 60 cents
  • Wind Senza Scatto New
    • Scatto alla risposta: 0 cents
    • Chiamate voce: 24 cents/minuto
    • SMS (e notifica): 15 cents
    • MMS: 60 cents

Le rimodulazioni non si sono fermate qui infatti:

Dal 28/04/2007 l’offerta PASS (e MEGA) non sarà più valida all’Estero. In questo caso si applicheranno le tariffe a consumo previste all’Estero. Info su 155.it

Spero che questa modifica riporti ad un assestamento del prezzo delle tariffe dati all’estero.
Fino al 28 Aprile, per chi ha attive le offerte PASS o MEGA all’estero il singolo KB costa 90 cents ovvero 921,6 euro a MB.

Attenzione a chi vorrà cambiare tariffa non seguendo la modifica forzata, secondo quanto segnalato da WindWorld, qualsiasi cambio piano costa 7 euro ed è molto probabile che comporti la perdita delle opzioni attive.

Cosa si può fare per difendersi da queste rimodulazioni? A dire il vero poco. WindWorld ha redatto un ottimo articolo a riguardo mentre Aduc si è espressa chiaramente.

Ci sarebbe veramente molto da scrivere sull’argomento, MobileBlog lo ha capito e ha recentemente pubblicato una sentenza del Giudice di Pace di Pomigliano d’Arco il quale ha dichiarato illegittima la modifica unilaterale delle condizioni contrattuali, operate dalla Wind Telecomunicazioni S.p.A., in merito alla tariffa “NOI 2 WIND”. Un mese fa, un caso analogo, era venuto alla ribalta.

Va detto, comunuque, che tra tutte le rimodulazioni ce n’è una positiva, gli sms gratutiti verso Wind messi a disposizione dall’opzione Noi Wind SMS, dal 26 Marzo, sono 4000 al costo di 2 euro/mese. Prima l’opzione costava 3 euro/mese ed offriva 300 sms gratuiti.

Per adesso mi astengo da commenti, anche se, è mio malgrado dirlo, sono molto deluso dall’operatore arancione.

 

Nessun Commento.. Puoi essere il primo!

Lascia un Commento