L’Open Relay DataBase chiude i battenti

Probabilmente tra pochi giorni il link che segue non funzionerà più, ma come annunciato sul sito ufficiale, il 31 Dicembre 2006, l’ORDB chiuderà.
E’ un importante evento che segnerà l’ultimo giorno del 2006. La ragione che porta a questa scelta è dettata dal fatto che i fondatori del progetto hanno altri impegni e che li spammer hanno cambiato le loro tattiche per l’invio di email:

Our volunteer staff has been pre-occupied with other aspects of their lives. In addition, the general consensus within the team is that open relay RBLs are no longer the most effective way of preventing spam from entering your network as spammers have changed tactics in recent years, as have the anti-spam community.

E’ vero sì che gli spammers hanno cambiato le loro tattiche, ma è vero anche che lo hanno fatto perchè anni fa sono nati servizi come questo! Il problema dei server Open Relay non è stato cancellato, è stato solo attenuato grazie all’uso di liste come ORDB nei server smtp: se l’email proviene da un server che risulta positivo alla query effettuata su relays.ordb.org, essa viene scartata direttamente.
Riflettendo con questa ottica, alla chiusura di ORDB, protrebbero accadere alcune cose interessanti:

  • un rallentamente nella consegna delle email, a causa del timeout nel lookup DNS di relays.ordb.org, nei server smtp non aggiornati
  • un bruso aumento dello spam a causa del ritorno agli Open Relay da parte degli spammer

Aspettando di vedere cosa succederà, consiglio, a tutti quelli che tutt’ora fanno uso di ORDB di toglierlo dal proprio MTA e introdurre filtri “intelligenti” come SpamAssassin o DPSPAM.

 

Nessun Commento.. Puoi essere il primo!

Lascia un Commento